Sirene e Miti: la leggenda sulla pastiera


Sirene e Miti è il titolo di una favola raccontata da Luigi Ciancio che percorre con cura, attenzione e tanta passione una importante parte del territorio campano.
Tra i tanti aneddoti, enigmi e racconti della tradizione non poteva certo mancare quello sulla pastiera. Diverse le leggende raccontate. La versione della pastiera che oggi consumiamo sembrerebbe essere stata preparata per la prima volta in un antico, e ancora ignoto, monastero napoletano.
Tra le storie popolari che raccontano della pastiera, vi è quella legata al mito della Sirena Parthenope che con il suo canto era solita allietare gli abitanti della città. Questi ultimi vollero dunque renderle omaggio con i doni della loro fertile terra: la farina, ricchezza della campagna; la ricotta, omaggio dei pastori e delle pecore; le uova: simbolo della vita che sempre si rinnova; il grano tenero, bollito nel latte; l’acqua dei fiori di arancio, perché anche i profumi della terra solevano renderle omaggio; le spezie, in rappresentanza dei popoli più lontani del mondo. La sirena Parthenope, felice dei numerosi doni, si inabissò per fare ritorno nel suo regno e depose le preziose offerte ai piedi degli dèi. Questi, estasiati dal suo canto, mescolarono con arti divine tutti gli ingredienti trasformandoli nella prima Pastiera che superò per dolcezza e bontà il canto della stessa Parthenope.

Tante altre sono le leggende raccontate in “Sireni e Miti” (sulla pastiera e non solo). Un viaggio nel patrimonio culturale campano, una favola leggera sulle tradizioni locali che verrà presentata il prossimo Venerdì 31 Marzo a Salerno presso il ristorante Mariterraneo in Vicolo Grimoaldo,12.

Per info 0899433138

 

Carla Deo